JA

“Abbiamo inviato il nostro documento su Jobsact al segretario e al nuovo gruppo dirigente PD, abbiamo indicato tre piani d’azione: l’emergenza dell’occupazione, la riforma del sistema di welfare universale, la competizione del paese attraverso l’innovazione tecnologica. Per salvare l’Italia e la generazione perduta, serve pensare su due piani: affrontare il presente e iniziare al contempo a preparare il futuro” dichiara Fausto Raciti, segretario nazionale dei Giovani Democratici. “L’Italia è ancora tra le economie più importanti di un mondo globale, c’è ancora lo spazio per una politica economica che liberi le energie tagliando privilegi e iniquità, anziché servizi sociali e posti di lavoro” prosegue Raciti. “Facciamo una proposta al segretario del PD e alla nuova generazione in segreteria:convochiamo le primarie tematiche sul piano lavoro. Non la consultazione alla tedesca su un piano già scritto, non il forum grillino dove si discute e le decisioni si prendono in una villa in Liguria. La prima consultazione tematica per gli iscritti al partito dei gazebo, per potersi confrontare su differenti opzioni politiche, concrete e non legate alla faccia di un leader. Diventerebbe la messa in pratica della nostra idea di democrazia continuamente in espansione, segnerebbe – questa si – una rottura di schema col passato” conclude la nota del segretario GD.